Un recente articolo in The Wire di Ian Henderson parlava della visione ingenua dell’applicazione degli strumenti di traduzione automatica piuttosto che delle società di traduzione professionali e dei servizi di traduzione. Mentre la traduzione automatica può farti risparmiare tempo per una comprensione rapida e utile quando hai perso la strada all’estero, la tecnologia è tutt’altro che accurata per le aziende veloci.

Secondo Henderson, presidente e CTO Rubric, sono successe molte cose nel settore della traduzione automatica. Ora è diventato una parola d’ordine.

Egli menziona alcuni nuovi sviluppi di cui abbiamo discusso nel nostro blog, come il servizio di traduzione vocale simultanea inventato da Microsoft per Skype e il nuovo strumento di traduzione di Twitter con cui i tifosi di calcio di tutto il mondo hanno potuto scambiarsi messaggi durante i Mondiali di Brasile questa estate.

Inoltre, elabora l’acquisizione di Google di un’app chiamata World Lens che consente agli utenti di tradurre segni o menu in lingue straniere. Henderson sostiene che World Lens fornisce semplicemente una stima di ciò che dice un segno o menu, non di ciò che effettivamente dice.

Ha provato l’app da solo e è giunto alla conclusione che era quello che si aspettava: un’ottima app per i turisti che stanno lottando per spostarsi in un paese straniero, ma sicuramente non è adatto per le imprese.

Dopotutto, chi vorrebbe che il loro prodotto fosse accompagnato dalla traduzione dallo spagnolo all’inglese “Intraprendi la seguente procedura?”

I computer stanno diventando traduttori?

Henderson ritiene che Google Translate abbia trasformato la traduzione automatica in un fenomeno mainstream. Inoltre, poiché nella tecnologia in generale vengono fatti enormi sviluppi, molte persone credono che non passerà molto tempo prima che venga creato un servizio di traduzione automatica in grado di abbattere tutte le barriere linguistiche.

Henderson non è d’accordo: le lingue sono più che semplici parole, dice, il che significa che le macchine di traduzione non devono solo fare calcoli matematici, ma dovrebbero anche essere in grado di eseguire il pensiero astratto. Pertanto, afferma, le aziende devono pensarci due volte prima di decidere di utilizzare la traduzione automatica quando entrano nel mercato globale.

C’è una differenza tra le aspettative dei consumatori di strumenti e prodotti gratuiti per i quali devono pagare, afferma Henderson. Paragona la tecnologia di traduzione a Youtube: questo servizio video è iniziato come un modo per mostrare al mondo i loro video fatti in casa, ma nel corso degli anni il sito ha visto la transizione a video più professionali.

Henderson crede che anche app come World Lens siano tra casalinghi e professionisti. Potrebbe rendere un po ‘più semplice la scelta di un ristorante in una città straniera, ma non sarà di alcuna utilità quando si tenta di assemblare apparecchiature di produzione.

Allo stesso modo, Google e Bing Translate assumono la stessa posizione nel campo della traduzione: secondo Henderson, questo è diventato molto chiaro durante la dimostrazione dal vivo dello strumento di traduzione in tempo reale di Skype. Quando il vicepresidente di Skype Gurdeep Pall ha chiamato uno dei suoi dirigenti in Germania per dimostrare il servizio, la loro conversazione è stata ostacolata da ritardi nella traduzione, dice. Henderson crede che le confusioni che si verificano a causa di questi ritardi non contano nelle conversazioni casuali, ma sono più difficili da superare nelle riunioni di lavoro.

Gli aspetti positivi della traduzione automatica

Anche se ha i suoi lati negativi, Henderson pensa che la traduzione automatica possa essere di grande aiuto per i traduttori umani. Molti fornitori di servizi linguistici globali usano la traduzione automatica per creare memorie di traduzione che possono essere utilizzate dall’uomo per accelerare il processo di traduzione. Questo crea una situazione che ha il meglio dei due mondi: il traduttore umano porta le sue conoscenze culturali alla traduzione, mentre la tecnologia di automazione assicura che il compito venga svolto rapidamente.

La conoscenza culturale del traduttore umano è esattamente ciò che manca ai servizi di traduzione automatica, afferma Henderson. Un tema grafico casuale, ad esempio, può funzionare alla grande negli Stati Uniti, ma probabilmente non riuscirà a fare appello a un pubblico tedesco, che si aspetta qualcosa di un po ‘più formale.

Pertanto, conclude Henderson, le tecnologie di automazione potrebbero essere di grande aiuto per i consumatori che cercano una traduzione rapida, le aziende dovrebbero cercare altre opzioni. Le strategie di marketing differiscono per pubblico e le sfumature che accompagnano questo non possono essere tradotte utilizzando le tecnologie di traduzione. Finché gli strumenti di traduzione automatica non sono in grado di individuare elementi culturali in un testo, afferma Henderson, le macchine di traduzione non saranno in grado di tradurre completamente la lingua.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *