Bene, sei arrivato su questa pagina perché hai deciso di tradurre il sito web della tua azienda. O sono i servizi di localizzazione ciò di cui hai bisogno?

Prima di affrontare la questione se devi semplicemente tradurre alcuni contenuti o localizzarli, vogliamo congratularci con te. Le statistiche indicano che solo 1 su 4 persone online sono madrelingua inglese, quindi hai fatto il primo passo verso l’apertura al mondo, per internazionalizzare i tuoi servizi.
Hai diverse ragioni per tradurre il tuo sito web.

Ma è ora di prendere ancora più decisioni. La prima decisione è scegliere quali lingue sono più importanti per te. Analizziamo diversi modi che possono aiutarti a decidere

  1.  di quante traduzioni hai bisogno e
  2.  quali lingue utilizzare per distribuire i tuoi contenuti dal tuo sito web.

    1. In quante lingue dovresti tradurre il tuo sito Web?

    Una delle prime cose da considerare prima di iniziare un progetto di localizzazione di un sito Web è il numero di lingue che vuoi supportare. Chiaramente, più sono le lingue, maggiori sono le implicazioni sui costi. Ma non tutte le lingue hanno lo stesso costo e tradurre in alcune lingue è più costoso che tradurlo in altre. Inoltre, avere come obiettivo determinate lingue comporta anche alcuni requisiti aggiuntivi sul progetto del tuo sito web (l’arabo e l’ebraico devono essere eseguiti da destra a sinistra, che HTML5 ha reso più facile da gestire, ma dovrai anche modificare la struttura della maggior parte delle pagine e il lato appaiono le illustrazioni e la grafica).

Pertanto, offrire supporto linguistico su un sito Web dipende in gran parte dalle considerazioni sul budget. Non esiste un numero magico di traduzioni in grado di garantire una strategia internazionale di successo, ma è necessario disporre di alcuni numeri pronti. Ad esempio, analizza quali Paesi stanno già visitando il tuo sito web. Sapere da dove stai ricevendo visitatori e se parlano una lingua diversa dovrebbe farti pensare a offrire traduzioni dei tuoi contenuti. Ma avere zero visite da paesi come l’Indonesia, il Giappone o la Cina potrebbe essere dovuto alla mancanza di traduzioni in indonesiano, traduzioni in giapponese or traduzioni in cinese.

Into how many languages should you translate a website

In quante lingue dovresti tradurre il tuo sito Web?

Le tendenze della globalizzazione del sito indicano alcuni fatti interessanti:

• Nell’ultimo decennio, dal 2005 al 2015, i principali marchi globali hanno aumentato il numero medio di lingue in cui mettono a disposizione i propri contenuti da 12 a 30, secondo la Web Globalization Report Card 2015.
• Nel 2013 e 2014, la ricerca di Common Sense Advisory ha parlato di The Rise of Long-Tail Languages e come le opportunità possono sorgere non nelle lingue tipiche e storicamente popolari che si possono pensare, ma nelle lingue minoritarie e anche nel prendere una visione a lungo termine per la pubblicazione in più lingue. Il numero 16 sembrava essere il numero magico di un sito web per essere davvero attraente su base mondiale.
• Tuttavia, l’85% della popolazione di Internet parla 10 lingue, quindi questo numero può anche essere preso come cifra chiave.

 

Non saltare però a conclusioni e considerazioni sul budget. Prima di decidere un determinato numero di lingue, ti consigliamo di fare qualche ricerca di marketing e se è utile tradurlo in alcune lingue. Ricerca i finanziari dietro la decisione. Testare le acque con 3, 4 o 5 lingue può essere un buon punto di partenza.

 

2. In quali lingue dovresti tradurre il tuo sito Web?

Ci sono motivi molto potenti per usare l’inglese in un sito Web come prima opzione se il tuo sito web non è già in quella lingua. Tuttavia, l’inglese non è sufficiente e molte aziende statunitensi hanno compreso il potenziale dell’utilizzo della traduzione di documenti per il contenuto del sito Web e la localizzazione di siti Web come uno strumento molto potente. Ovviamente, se la tua azienda si rivolge all’Egitto degli Emirati Arabi Uniti, dovresti far tradurre il tuo sito web in arabo. Le traduzioni indonesiane dei tuoi contenuti hanno senso se vuoi raggiungere un paese che nel 2015 ha 93,4 milioni di persone che accedono a Internet. La cifra è destinata a crescere fino a 123 milioni nel 2018. L’Indonesia è uno dei più grandi mercati online del mondo.

Quindi, se state pensando che tradurre un sito web in francese, spagnolo, tedesco e italiano sarà sufficiente, pensateci meglio. Forse non avrà senso tradurre in una o due di queste lingue e le traduzioni in cinese o le traduzioni in giapponese avranno più senso.

Internet Live Stats fornisce una visione molto chiara di dove arrivano gli utenti di Internet dal vivo, ma se vuoi avere un’idea chiara di dove sono i numeri guarda la tabella qui sotto.
Nel 2014, i primi 20 paesi con il maggior numero di utenti di Internet erano

 

RankCountryInternet Users1 Yr % Growth1 Yr User GrowthTotal Country Population1 Yr Population Change (%)Penetration (% of population with Internet)Country’s share of World PopulationCountry’s share of World Internet Users
1China641,601,0704%24,021,0701,393,783,8360.59%46.03%19.24%21.97%
2United States279,834,2327%17,754,869322,583,0060.79%86.75%4.45%9.58%
3India243,198,92214%29,859,5981,267,401,8491.22%19.19%17.50%8.33%
4Japan109,252,9128%7,668,535126,999,808-0.11%86.03%1.75%3.74%
5Brazil107,822,8317%6,884,333202,033,6700.83%53.37%2.79%3.69%
6Russia84,437,79310%7,494,536142,467,651-0.26%59.27%1.97%2.89%
7Germany71,727,5512%1,525,82982,652,256-0.09%86.78%1.14%2.46%
8Nigeria67,101,45216%9,365,590178,516,9042.82%37.59%2.46%2.30%
9United Kingdom57,075,8263%1,574,65363,489,2340.56%89.90%0.88%1.95%
10France55,429,3823%1,521,36964,641,2790.54%85.75%0.89%1.90%
11Mexico50,923,0607%3,423,153123,799,2151.20%41.13%1.71%1.74%
12South Korea45,314,2488%3,440,21349,512,0260.51%91.52%0.68%1.55%
13Indonesia42,258,8249%3,468,057252,812,2451.18%16.72%3.49%1.45%
14Egypt40,311,56210%3,748,27183,386,7391.62%48.34%1.15%1.38%
15Viet Nam39,772,4249%3,180,00792,547,9590.95%42.97%1.28%1.36%
16Philippines39,470,84510%3,435,654100,096,4961.73%39.43%1.38%1.35%
17Italy36,593,9692%857,48961,070,2240.13%59.92%0.84%1.25%
18Turkey35,358,8883%1,195,61075,837,0201.21%46.62%1.05%1.21%
19Spain35,010,2733%876,98647,066,4020.30%74.38%0.65%1.20%
20Canada33,000,3817%2,150,06135,524,7320.98%92.89%0.49%1.13%

Quasi la metà degli utenti di Internet del mondo proviene dall’Asia, quasi il 22% dalle Americhe (Nord e Sud), l’Europa rappresenta il 19%, l’Africa il 9,8% e l’Oceania è vicina all’1% ora che la popolazione online mondiale ha raggiunto i 3 miliardi . Quindi la traduzione in lingue asiatiche sembra essere una prima buona scelta per l’internazionalizzazione dei siti web. Ora esaminiamo i dati della Banca mondiale che indicano il peso del prodotto interno lordo. Il PIL si riferisce al potere d’acquisto, sebbene non in termini relativi.

Gross domestic product 2014
RankingEconomyUS dollars)
USA1United States17.419.000
CHN2China10.360.105
JPN3Japan4.601.461
DEU4Germany3.852.556
GBR5United Kingdom2.941.886
FRA6France2.829.192
BRA7Brazil2.346.118
ITA8Italy2.144.338
IND9India2.066.902
RUS10Russian Federation1.860.598
CAN11Canada1.786.655
AUS12Australia1.453.770
KOR13Korea, Rep.1.410.383
ESP14Spain1.404.307
MEX15Mexico1.282.720
IDN16Indonesia888.538
NLD17Netherlands869.508
TUR18Turkey799.535
SAU19Saudi Arabia746.249
CHE20Switzerland685.434
SWE21Sweden570.591
NGA22Nigeria568.508

Abbiamo aggiunto altre 2 posizioni qui al fine di includere due paesi molto diversi (Svezia e Nigeria) con PIL simile in termini globali ma con un potere d’acquisto molto diverso.

Lezioni apprese dalle statistiche per scegliere quali lingue tradurre un sito web

  • Ci sono 2,3 utenti cinesi di Internet per ogni americano che usa internet con un potere di acquisto simile, quindi il cinese sarebbe un prerequisito per qualsiasi serio mercato internazionale che non vuole ignorare un mercato così enorme.
  • Ci sono 6 economie di lingua inglese (Stati Uniti, Regno Unito, India, Canada, Australia, Nigeria) nelle 22 maggiori economie del mondo.
  • Gli utenti di Internet negli Stati Uniti e in India rappresentano quasi il numero di utenti in Cina.
  • La popolazione di Internet in Brasile è quasi la dimensione del Giappone, anche se il loro potere d’acquisto è la metà.
  • Ci sono solo 2 economie di lingua spagnola tra le prime 20 (Messico e Spagna), sebbene lo spagnolo sia parlato da quasi 500 milioni di persone. (Un sacco di paesi latino-americani arrivano alle posizioni 22-35, però).
  • Il francese è parlato in 3 paesi con alto potere d’acquisto (Francia, Canada e Svizzera).

Dopo questi fatti, la decisione è praticamente all’altezza del pubblico di destinazione poiché la maggior parte delle economie e dei paesi sono monolingue o hanno una lingua dominante. Avrebbe senso tradurre in tedesco, russo e indonesiano se quei mercati si adattano alla tua strategia. L’arabo è parlato in Egitto, un paese che ha molti più utenti di Internet di Italia, Spagna, Turchia o Canada. Tuttavia, la prima economia di lingua araba nel mondo è l’Arabia Saudita. Quindi, nonostante una popolazione affamata di contenuti e l’enorme aumento di utenti di internet in lingua araba, la traduzione in arabo ha senso solo come strategia a medio-lungo termine.

La nostra raccomandazione per una strategia di successo del sito Web globale è di indirizzare l’inglese, il cinese, il portoghese brasiliano, il giapponese, lo spagnolo e il francese e concentrarsi su altre lingue nazionali in base al budget e alle esigenze.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *